Posts

I segreti dei dolci di carnevale: le frappe

todayFebbraio 11, 2023 5

share close

Bugie, cenci, galani o cròstoli: come le chiamate voi le frappe? I dolci tipici di Carnevale cambiano nome a seconda della regione d’Italia in cui si mangiano, ma la ricetta è molto simile dappertutto. E la loro storia la conoscete?

Friabili, dorate, rettangolari, con una spolverata abbondante di zucchero a velo: le chiacchiere di Carnevale hanno un aspetto e un sapore davvero inconfondibili! Sapete da dove arrivano questi dolci che, con l’avvicinarsi della festa più pazza e colorata dell’anno, iniziano a fare la loro comparsa nelle vetrine di fornai e pasticcerie?

Le origini delle frappe risalgono a quando nell’antica Roma si celebravano i Saturnali, una festa molto simile al Carnevale odierno. Durante questo periodo di banchetti e feste popolari, in cui tutti i canoni sociali venivano ribaltati, uno dei simboli erano le frictilia, dolci fritti nel grasso di maiale, distribuiti alla folla fra le strade della città. Apicio, uno dei più raffinati buongustai dei tempi antichi, descrive così la preparazione delle frappe nel suo “De re coquinaria”: “Frittelle a base di uova e farina di farro tagliate a bocconcini, fritte nello strutto e poi tuffate nel miele”.

Mi sono documentata e in Liguria le chiamano Bugie, In Toscana Cenci a Roma frappe, in Veneto galani, in Friuli cròstoli.

L’impasto è a base di farina, zucchero, burro  e uova. e c’è sempre del liquore: anche qui non siamo del tutto d’accordo: c’è chi aggiunge del Marsala, chi del vino bianco, chi del Vin Santo, chi ancora della grappa. Le varianti dipendono ovviamente dalle usanze regionali. 

Qualunque siano gli ingredienti, che siano sottili o un po’ più corpose, le frappe devono avere le bolle, segno che la sfoglia è stata tirata a dovere e la frittura è stata fatta a regola d’arte. 

Se al tempo dei Romani le frappe venivano fritte nello strutto, oggi il grasso animale è stato, nella maggior parte dei casi, sostituito da un più leggero olio di semi. Chi è particolarmente attento alla salute e alla linea può decidere anche di optare per una cottura al forno, ma il risultato, lo sapevano anche gli antichi Romani, non sarà mai lo stesso.

 

La ricetta delle mie frappe

Ingredienti
500 di farina 00
75 g di zucchero
50 g di burro pomata
3 uova
30 g di grappa
6 g di lievito
1 pizzico di sale

 

Procedimento
Nel bicchiere della planetaria verso tutte le poveri e le mescolo, quindi aggiungo il burro pomata, la grappa e per ultime le uova. Continuo a mescolare fino a che il composto non sarà liscio.
Lo tolgo dalla planetaria, formo una pallina e la avvolgo nella pellicola alimentare. lo ripongo in frigorifero per un’ora, circa.
Quindi stendo la pasta con l’aiuto dello stendipasta elettrico, la taglio a rombi e la friggo in abbondante olio di semi. Tolgo dall’olio le frappe colorate, ma non troppo e le appoggio sul un piatto con un foglio di carta da cucina, Faccio assorbire l’olio in eccesso, quindi le spolvero con lo zucchero a velo.

(Se l’hai perso leggi e ascolta l’approfondimento Segreti in tavola dedicato al bubblegum day)

L’articolo I segreti dei dolci di carnevale: le frappe proviene da Dimensione Suono Soft.

Written by: Piero Mammarella

Rate it

Previous post


Similar posts

Posts

I concerti nel parco 2024

Il Festival, I Concerti nel Parco, Estate 2024, giunto alla sua trentaquattresima edizione ed organizzato da IConcerti nel Parco ETS, si svolgerà a Roma, nel parco della Casa del Jazz dal 1 luglio al 2 agosto 2024. La XXXIV edizione del Festival I Concerti nel Parco, Estate 2024 è sostenuta […]

todayLuglio 15, 2024

VERA HIT RADIO
(Radio Web Amatoriale)
Licenza SIAE 201900000012
Licenza SCF 0001/19
Licenza ItsRight 0007644

Supporta Vera Hit Radio
0%