Posts

Barcellona: non solo ramblas e tapas

todayMaggio 21, 2021 6

share close

Amici la città della quale vi parlo oggi l’avrò visitata decine di volte, ma questa volta vi parlo della mia visita più particolare quando ho visitato posti più peculiari. Parlo di Barcellona.
Mi ero prefissato all’arrivo di andare in posti abbastanza curiosi e ho voluto cominciare da Los Encants, uno storico e brulicante mercato di seconda mano in cui ci ho trovato di tutto. Se sei un collezionista d’antiquariato ecco che ti si apriranno le porte del paradiso. Se ti hanno rubato il giacchetto di jeans ad un tavolino di un bar e hai freddo vai lì e ne compri uno per due euro. Vuoi fare dei pensierini prima di tornare a casa? Ti piacciono le cianfrusaglie e sin da bambino la soffitta era il tuo angolino preferito? La risposta è sempre la stessa: Encants, il mercato delle meraviglie. Risultato: dopo 4 ore di visita avevo più gadgets e regali di un negozio di porta portese.
Come seconda tappa curiosa ho voluto provare una destinazione che non avevo mai programmato , quella di andare a visitare una fabbrica di birra. Per questo mi sono fatto portare alla Fabrica Estrella Damm. La Estrella Damm è la birra locale più bevuta e conosciuta di Barcellona. Naque proprio nella capitale catalana quando, nel 1876, un tizio francese dal nome August decise di erigere una fabbrica bella e imponente nel cuore della città. Nella mia visita guidata e molto divertente mi sono fatto un’idea di come si produce la bevanda tanto desiderata, ho visitato il museo e assaggiato una parte delle versioni della birra, non provandole tutte, data la voglia di continuare la mia giornata da sobrio o più o meno tale.
Nel pomeriggio poi, altra destinazione alternativa: ho voluto vedere una delle opere meno famose di Gaudì, e quindi mi sono fatto accompagnare alla Cripta Güell che si trova a pochi km dal centro ed è una delle opere più interessanti e meno visitate di Gaudì. Mi sono concesso il lusso di fare una foto all’altare senza il timore che uno stormo di turisti mi si piazzasse davanti. All’interno un vero incanto con tripudio di mattoncini gialli, vetrate colorate e forme che ricordano la natura, un luogo davvero imperdibile. La mia giornata spagnola è stata così particolare che per riportarmi alla Barcellona già vista molte altre volte, sono finito nelle ramblas a fare una cena a base di tapas con tutti i tipi di Jamon Serrano festeggiando con Sangria e Jamon Cinco Jotas, il top di questa eccellenza, ricordando un giornata diversa dalle altre volte, nella capitale catalana.

(Se l’hai perso leggi e ascolta l’approfondimento Travel Experience dedicato a Ibiza)

L’articolo Barcellona: non solo ramblas e tapas proviene da Dimensione Suono Soft.

Written by: Piero Mammarella

Rate it

Previous post


Similar posts

Posts

Un elisir per l’inverno: la tisana al carciofo

La questione sulla stagionalità dei carciofi è abbastanza dibattuta, ma l’unica risposta da dare è che dipende dalla varietà. Esistono infatti diversi tipi , dal carciofo violetto Catanese al Brindisino IGP, fino allo Spinoso di Sardegna DOP. Il carciofo non è solo l’ingrediente ideale per numerose ricette in cucina, ma […]

todayNovembre 30, 2021

VERA HIT RADIO
(Radio Web Amatoriale)
Licenza SIAE 201900000012
Licenza SCF 0001/19
Licenza ItsRight 0007644

Supporta Vera Hit Radio
0%