Posts

Alla scoperta di Yaounde

todayMarzo 12, 2021 9

share close

Amici questa volta vi parlerò di un viaggio che mi ha portato nell’Africa più vera ed esattamente nella capitale del Camerun Yaounde. Il mio arrivo e’ stato abbastanza movimentato, per ritardi del volo e ritardo sulla riconsegna dei bagagli, ma appena uscito dall’aeroporto mi è apparsa l’Africa vera, chiassosa e colorata, a cominciare, da un taxi con i colori della bandiera camerunense e con all’interno un tassista che parlava con mia sorpresa un italiano stentato, con un forte accento del sud, sembrava quasi pugliese. Ha insistito anziché, per portarmi subito in albergo, per fermarmi in un luogo che loro chiamano Dulala, ovvero un mercato all’aperto, dove esiste uno Street food davvero pazzesco, ha poi insistito per farmi bere la birra locale e soprattutto per mangiare degli spiedini senza dirmi subito che era carne di scimmia, devo dire buonissima,poi ad ogni cosa che io chiedessi, lui mi diceva è per strada quindi si è fermato subito al Museo Benedettino di Mont-Febe un museo che si trova appena fuori Yaoundé, Ovviamente mi ha aspettato fuori io sono entrato nel museo dove in poco tempo ho potuto ammirare sculture gigantesche di animali e di uomini africani, l’ormai mio amico Dudu, tassista semi pugliese, sempre con la tiritera che qualsiasi cosa era per strada mi ha accompagnato anche alla Cattedrale di Nostra Signora delle Vittorie, devo dire che mi sono trovato davanti la cattedrale cattolica dell’arcidiocesi di Yaoundé con Dudu che mi spiegava che il progetto per la costruzione della cattedrale si deve a François Xavier Vogt, vicario apostolico di Yaoundé, che negli anni della seconda guerra mondiale desiderava edificare un santuario alla Vergine Maria per aver risparmiato al Camerun gli orrori della guerra. Stanco e con la voglia di una doccia e di albergo ho insistito per farmici accompagnare, ma Dudu ha insistito perché alla sera fosse ancora lui il mio Caronte, cosi si è presentato vestito a festa per accompagnarmi in un ristorante pazzesco, Mama Africa, dove ho assaggiato il piatto nazionale, il Ndolè, uno stufato con gamberi e carne di maiale, a cui vengono aggiunte erbe amare e pasta di arachidi, accompagnato da una birra pazzesca. Alla fine dopo una cena fantastica, Dudu si e’ finalmente accomiatato, la cosa che mi ha colpito di più è che non ha voluto nessuna mancia, è stato con me solo per il piacere di un viaggiatore, col quale scambiare del buon tempo, questa è la bellezza dell’Africa.

Se l’hai perso leggi e ascolta l’approfondimento Travel Experience dedicato a Sofia)

L’articolo Alla scoperta di Yaounde proviene da Dimensione Suono Soft.

Written by: Piero Mammarella

Rate it

Previous post

Posts

Il potere delle pietre

Non esiste il cristallo adatto a noi. Esistono molte pietre e cristalli adatti a seconda delle occasioni, dello stato d’animo, del periodo della vita. È passato un anno da quando la pandemia ha cambiato la vita di tutti. In questo periodo speranza e preoccupazione si sono susseguite in modo incessante. Questo ha causato un carico […] L'articolo Il potere delle pietre proviene da Dimensione Suono Soft.

todayMarzo 12, 2021 7


Similar posts

VERA HIT RADIO
(Radio Web Amatoriale)
Licenza SIAE 201900000012
Licenza SCF 0001/19
Licenza ItsRight 0007644

Supporta Vera Hit Radio
0%