IGP

La dottoressa Carla Lendaro ci spiega a cosa serve mangiare le verdure

todayFebbraio 5, 2021 10

share close

Di cosa si tratta quando sentiamo parlare o parliamo di dieta mediterranea? La risposta dall’esperta. 

Per semplificare, chiamiamo il regime alimentare “dieta”, ma col significato della parola greca (avete ascoltato le precedenti puntate?). A livello scientifico, per combattere lo stato infiammatorio cronico, sono validate solo tre diete: la scandinava, la Okinawa (giapponese) e la mediterranea.
Ovviamente, si scegliera’ in base ai gusti e alla reperibilita’ dei cibi, tenendo anche conto di eventuali allergie e/o intolleranze.
La dieta scandinava ha tanto salmone e frutti di bosco (i mirtilli), la Okinawa è quella giapponese con alghe , riso e pesce e la mediterranea è la nostra, ma … la conosciamo veramente? Parliamone un po’.

La nostra dieta fu chiamata “mediterranea” da un americano, Ancel Keys, dell’Università del Minnesota, ideatore della “Razione K”, il pasto in dotazione dell’esercito americano durante la Seconda Guerra Mondiale. Keys, al seguito delle truppe americane di stanza in Grecia e Italia, durante la seconda guerra mondiale, si accorse che la popolazione di questi luoghi era poco soggetta a malattie cardiovascolari, causate da un’eccessiva presenza di grassi saturi nell’alimentazione. Keys promosse uno Studio internazionale cooperativo di Epidemologia della Cardiopatia Coronarica, il ”Seven Countries Study”, che mise in rapporto i livelli di colesterolo nel sangue con i tipi di dieta alimentare seguita da diverse popolazioni. Studiò oltre 12000 persone di sette nazioni: Italia, Grecia, ex Jugoslavia, Olanda, Finlandia, Giappone, U.S.A.. Da tali studi emerse che avevano il minor tasso di mortalità per cardiopatie coronariche i finlandesi, i giapponesi e le popolazioni mediterranee.
Il sud d’Italia e la dieta mediterranea piacquero cosi’ tanto ad Ancel Keys e sua moglie Margaret che, verso la fine degli Anni ’70, si trasferirono a Pioppi, antico borgo marinaro nella provincia di Salerno, e qui rimasero oltre 30 anni. Nel 2004, Keys fu insignito della Medaglia al Merito alla Salute Pubblica dallo Stato Italiano. Morì due mesi prima del suo centunesimo compleanno. Che sia stata la dieta mediterranea a renderlo longevo?

Bene, allora noi possiamo stare tranquilli! Mica tanto pero’! Perché? Perché la dieta mediterranea studiata da Keys era quella dei contadini del Cilento, negli anni tra meta’ degli anni ‘40 e la fine del ’50. L’alimentazione era costituita in prevalenza da cereali, legumi, pesce, frutta e verdura, latticini freschi, poca carne, vino in quantità moderate durante i pasti e olio di oliva come condimento, quindi conteneva pochi grassi saturi. Era una dieta povera e frugale, con rari giorni di festa e tanto lavoro manuale pesante. Quindi, non solo dobbiamo mangiare in quel modo, ma anche fare corretto esercizio fisico (certo, adattato alle abilità personali). Inoltre…beh, questo ve lo dirò prossimamente!

(Se l’hai perso leggi e ascolta l’approfondimento di Carla Lendaro dedicato alla differenza tra dieta e regime alimentare)

L’articolo La dottoressa Carla Lendaro ci spiega a cosa serve mangiare le verdure proviene da Dimensione Suono Soft.

Written by: Piero Mammarella

Rate it

Previous post


Similar posts

VERA HIT RADIO
(Radio Web Amatoriale)
Licenza SIAE 201900000012
Licenza SCF 0001/19
Licenza ItsRight 0007644

Supporta Vera Hit Radio
0%